La Prima Edizione del Verdello Fest a Bagheria

La Città delle Ville si prepara per il consueto appuntamento con le festività in onore del Santo Patrono; quest anno fra gli eventi in programma, si presenta una novità: Il Verdello Fest, nel quale troveranno spazio le maestranze locali dell’artigianato artistico e gastronomico, in una cornice dedicata al Limone Verdello di Bagheria, che rappresenta il simbolo dello sviluppo economico, vissuto nell’hinterland cittadino nel periodo compreso fra gli anni 50-70, durante il quale il settore agricolo era la principale fonte di sostentamento per un’intera comunità.

L’obiettivo che si propone di raggiungere l’evento è quello di identificare il Limone Verdello come strumento di marketing territoriale e simbolo dell’identità locale nel tentativo di attivare micro-filiere produttive; basti pensare alla varietà di prodotti di trasformazione da sempre ottenibili quali gelati, dolci, profumi ecc.

Si tratta quindi di un evento, che lega la storia, la tradizione, la memoria collettiva ai vari settori della vita economica e culturale.

Una preview del Verdello Fest è stata presentata lo scorso 30 Luglio a Villa Palagonia, in occasione del Gran Galà di Solidarietà a favore della Casa del Volontariato di Bagheria, dagli enti organizzatori: la Pro Loco “Città delle Ville”, l’Associazione “La Piana d’Oro” e la Confraternita del Patriarca S. Giuseppe. In un’apposita Tavola Rotonda si è discusso delle opportunità da sfruttare per rilanciare l’agrumicoltura, le varie direttrici individuate prospettano per il limone verdello di Bagheria due possibili soluzioni: il riconoscimento del Marchio I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta), grazie al quale è possibile attingere ad appositi fondi comunitari o un presidio Slow Food che ha invece, una valenza limitata al settore privato.

Alla Tavola Rotonda, un piccolo spazio è stato riservato anche ad un’altra specialità gastronomica: lo Sfincione di Bagheria, per il quale una possibile opportunità da sapere sfruttare è il riconoscimento del marchio S.T.G (Specialità Tradizionale Garantita).

Si è individuato, altresì un altro aspetto economico da non sottovalutare assolutamente, che è il Turismo Relazionale Integrato, grazie al quale è possibile coniugare tradizione popolare, arte, musica e buon cibo, dove il turista-viaggiatore vuole provare emozioni e suggestioni uniche.

La location designata per il Verdello Fest è l’asse viario che si dirama lungo Villa Palagonia e la via omonima, fino all’Arco Padre Eterno, una serie di attività si svolgeranno per tre giornate consecutive dal 5 al 7 Agosto, durante le quali si potrà visitare (con ticket dimezzati) il Piano Nobile della “Villa dei Mostri”, degustare il tradizionale “Street Food” Palermitano a base di arancine e pane con le panelle, ammirare le ceramiche artistiche degli artigiani locali, assistere a danze ed esibizioni canore e molto altro ancora.

La manifestazione prevede il coinvolgimento degli operatori commerciali direttamente impegnati nella micro-filera produttiva legata al limone (gelaterie, ristoranti, pasticcerie, wine bar, industrie di produzione di essenze etc) e dell’artigianato artistico.

Il momento conclusivo dell’evento vedrà come protagonista e testimonial d’eccezione lo Chef Stellato Bagherese Tony lo Coco; titolare del Ristorante “I Pupi”, il quale coordinerà un gruppo di giovani ristoratori locali in uno Show Cooking.

Buoni propositi, forza di volontà ed entusiasmo hanno avuto la meglio sulla logica dell’abbandono e del degrado, non ci rimane quindi che augurare agli organizzatori buona fortuna, con la speranza di poter ripetere l’evento per edizioni successive.

Nicola Scardina

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette − 1 =